mercoledì 7 ottobre 2009

Anch'io ho.... schiacciato

Scusate se riprendo il tormentone televisivo, ma dopo averla vista preparare da così tanti food bloggers (Paoletta, Elga, Milla, Carolina, ... solo per citarne qualcuna) e visto che il frigo continua a riempirsi d'uva, mi son deciso anch'io a realizzare una Schiacciata all'uva.

schiacciata_con_uva_1

Avevo un po' di uva fragola ed un po' di uva garganega, quindi mi son detto, se non basta una usiamole entrambe ;)

Ovviamente il mio cucciolo non si è tirato indietro, e si è subito offerto di aiutarmi a mettere l'uva.
Tutto filava liscio fino a quando, dopo aver completato l'interno, ha deciso che la copertura doveva essere "una perfetta opera d'arte". Quando ho cercato di fargli capire che era già da tempo passata l'ora di andare a letto, e che se non si spicciava a comporre le faccine (davvero artistiche l'ammetto) la schiacciata avrebbe ripreso a lievitare.... apriti cielo.
Meno male che tutto passa in fretta, e quando oggi ha visto le foto che stavo pubblicando abbiamo fatto subito la pace.

schiacciata_con_uva_2

Temevo di averne fatta troppa, ed invece i colleghi stamattina sono stati felicissimi di aiutarmi a finirla...

La ricetta è quella classica, io ho fatto comunque un mix, per adattarla a tempi e alimenti disponibili.

Ingredienti
  • 300 gr farina manitoba
  • 300 gr farina 00
  • 25 gr lievito di birra
  • acqua q.b. (350 gr circa)
  • 1 cucchiano di sale
  • 3 + 6 cucchiai di zucchero
  • 3 cucchiai di olio evo
  • 3 grappoli di uva fragola
  • 3 grappoli uva garganega
  • 1 cucchiaino di semi d'anice
Mentre il lievito si scioglie in poca acqua tiepida zuccherata, setacciare le farine e formare la fontana in una capiente ciotola. Appena l'acqua con il lievito inizierà a fare la schiumina (10 minuti) versarla nella fontana, iniziare ad aggiungere l'acqua e lavorando aggiungere 4 cucchiai di zucchero, l'olio e verso la fine il sale.
L'impasto deve risultare umido e molto morbido, ed inevitabilmente un po' appiccicoso. Rovesciare sulla spianatoia e lavorare, aiutandosi con pochissima farina, per 10 minuti.
Far lievitare l'impasto in una ciotola coperta per 60-90 minuti, fino a quando sarà quasi triplicato di volume.
Rovesciare nuovamente nella spianatoia, dividerlo in due parti (1/3 una e 2/3 l'altra) e praticare per ogni parte un paio di volte le pieghe di tipo 1 proposte da Adriano.
Rimettere a riposare coperto ogni pezzo per 20 minuti, mentre il forno si scalda fino a 180-190°C.
Trascorsi i 20 minuti, ungere una capiente teglia con olio, tirare l'impasto più grande e foderare la teglia, compresi i bordi. Versare buona parte dell'uva, tenendo da parte quanto serve per decorare, e coprire con 3 cucchiai di zucchero.
Tirare l'impasto più piccolo e metterla sull'uva, richiudendo i bordi della prima sfoglia sulla seconda.
Usare la rimanente uva, 3 cucchiai di zucchero ed i semi d'anice per decorare. Infornare per 45-60 minuti, fino a cottura della superfice.
Prestare attenzione sia al fondo che alla superfice della schiacciata che non devono seccarsi.
Aspettare che raffreddi per tagliarla e servirla.

18 commenti:

  1. Anche la schiacciata, ora ? Sei proprio un grande !!! :-D

    RispondiElimina
  2. Bèh, ora che lo hanno fatto in centomila, e solo dopo aver visto la tua schiacciata mi è venuta un'idea, vuol dire che qualcosa in più ce l'ha!
    Appena realizzo la mia idea, te lo farò sapere!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. inutile non si può resistere!!!

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo con la Rossa,qualcosa in più ce l'ha. La seconda foto poi è bellissima, degna di un libro di Donna Hay. Ciao

    RispondiElimina
  5. Una meraviglia. Ogni volta che vedo la schiacciata con l'uva fragola mi riprometto di informarmi qui in Germania se esiste anche qui (ma temo di no!)
    Che bella anche la teglia.

    Ciao
    Alex

    RispondiElimina
  6. Penso di essere rimasta l'unica a non averla provata, questa benedetta schiacciata, che mi compare a blog unificati un giorno sì e l'altro pure... Questa tua è bella, Albertone, e apprezzo la variazione sul tema uva da te introdotta (ma qual è l'uva garganega?). Buona giornata
    Sabrine

    RispondiElimina
  7. wow complimenti!! ti è riuscita una meraviglia!

    RispondiElimina
  8. Me la sono persa anch'io! E' bellissima ti è riuscita davvero lievitata a meraviglia, chissà i colleghi, avranno avuto gli occhi lucidi nel vederti arrivare con cotanta grazia! Ciao

    RispondiElimina
  9. Innanzitutto grazie a tutti.

    @JAJO: grazie, ma ti avverto che... facendola mi è tornata a mente la "pizza e fichi" che un'amica mi faceva trovare la mattina, durante le "vacanze romane" dello scorso anno... a breve ci provo (prima che finiscano i fichi).

    @Rossa di Sera: mi fai ... arrossire ;)
    piacere di averti dato un'idea, adesso son curioso di vedere che prepari.

    @Genny: è vero, e dopo averla provata si capisce anche il perchè... è buonissima :P

    @Sabri: grazie, io ci provo ma ancora mi sento lontano da foto mitiche come quelle di Alex o di Paoletta o di Tania o di ... tante/i di voi.
    Comunque devo mettermi d'impegno a preparare qualche articolo sul fotoritocco.

    @Alex: anche senza l'uva fragola... al limite basta un pochino più di zucchero. La teglia l'ho trovata nascosta in fondo alla cantina... ma si può dimenticare una simile bellezza ?!

    @Sabrine: dai dai, falla anche tu... poi facciamo il circolo: "quelli che la schiacciata..." ;)
    L'uva garganega è quella bianca: è un'uva autoctona antica e molto comune a Vicenza, usata per produrre il Garganego.
    Usando però i grappoli migliori, ed in particolare le "recie" (le orecchie, i due ciuffi a lato del grappolo maggiore, generalmente più dolci) ad appassire fino a dicembre, si fa il fantastico Recioto di Gambellara Docg, mitico accompagnamento di tanti dolcetti tipici come i Zaleti).

    @Federica: grazie

    @Susy: in effetti son stati contenti, i colleghi: non facevo a tempo di avvirsarli dei semini che la fetta era già sparita.

    RispondiElimina
  10. Che bella complimenti!!Dovrò decidermi a farla anche io..si si! basta ho deciso!
    Buona giornata Arianna

    RispondiElimina
  11. Buona! Finalmente posso commentare una schiacciata dopo averla finalmente fatta anch'io, si, ho "schiacciato" giusto stamattina (o ieri vista l'ora). Se non ci fossero stati i tuoi colleghi ti avrei aiutato io a finirla!

    RispondiElimina
  12. @L'oca bonga: ma si dai, facciamola tutti ;)

    @Tania: avrei anch'io voluto assaggiare la tua, sono certo che sarà stata buonissima.
    p.s.: ma i fichi caramellati, devono riposare un pochino prima di essere pronti ? no perchè io li ho già finiti :P

    RispondiElimina
  13. bellissima! è vero che la stanno facendo un po' tutti, ma ognuna ha del suo, no?

    RispondiElimina
  14. @il_cercatore: grazie, sono daccordo con te, ma soprattutto sono tutte buonissime :P

    RispondiElimina
  15. Che bella che ti è venuta!
    Mi piace anche l'idea di mixare le varie uve, bellissimo accostamento cromatico...
    Buona serata!

    RispondiElimina
  16. evvai di schiacciata! se prima erano in centomila ad averla fatta, ora abbiamo fatto centimila e uno! :DD bravissimo, ti è venuta una favola!

    RispondiElimina
  17. Si, farli riposare sarebbe meglio anche se io ho aspettato solo una settimana, non ce la facevo più!

    RispondiElimina
  18. Pizza, prosciutto e fichi... MMMMHHHHHHH !!!!!
    Non vedo l'ora :-D

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.