martedì 1 marzo 2011

Sognando i fiordi...

sedano rapa stufato all'aneto e senape


Dopo averne apprezzato il particolare sapore, quest'anno non mi faccio mai sfuggire il sedano rapa, quando lo trovo.

Come la scorsa settimana, quando l'ho visto così bello chiaro e compatto...non ho resistito; però volevo andare un pochino oltre la solita insalata, così per prepararlo mi sono lasciato un po' guidare dal sapore e ... dal frigo: sgranocchiandone qualche scaglia ho buttato l'occhio in dispensa fino a che l'occhio non è caduto su quel vasetto. Ormai era impossibile non pensarci, l'abbinamento con la senape sembrava urlare più che chiamarmi :)

Alla fine l'accoppiata mi è così tanto piaciuto che ho voluto giocarci un po': ecco allora la stufatura, per ammorbidire il sapore del sedano e meglio accogliere quello della senape. E poi l'ingresso dell'aneto, tanto usato nella cucina nordica, che ha sostituito alla fine il primo esperimento con il prezzemolo.

crisp bread


L'aria svedese di questo piatto mi ha ricordato che avevo visto da poco in tv la preparazione del Crisp Bread, quel sottile pane croccante svedese, ultra aromatizzato con cumino o anice.

Come non provare ? Già mi sembrava avvertire un'aria tutta nordica in casa....

E poi avevo voglia di fare questo pane, sia perchè la gita domenicale all'Ikea era saltata per un guasto alla macchina e di trovarlo qui non se ne parla, sia perchè volevo provare il nuovo forno :)
E poichè 1+1 non fa sempre 2, ecco saltare nel piatto, è il caso di dirlo, una fettina di salmone affumicato a completare il tutto, piccola, è pur sempre un pesce piuttosto grasso, ma sufficiente a rallegrare e scaldare il piatto, con quel suo bel colore intenso.

Non l'ho fotografata, ma una bella birra, fresca e ben luppolata, è il tocco finale.

Cosa manca ? Direi solo un bel fiordo fuori dalla finestra, pescherecci che rientrano al porto, l'aria leggera e frizzante che porta in casa il sapore ed il colore del mare...
Per ora mi accontento di sognarlo, gustandomi questo spuntino  ;)


Sedano rapa stufato con aneto e senape

Ingredienti
Per due persone
  • 1/2 sedano rapa
  • 1/2 cucchiaio d'olio d'oliva
  • 1-2 cucchiai di senape in grani
  • 1 cucchiaino di aneto secco
  • sale
Preparazione

Tagliare il mezzo sedano rapa a metà e quindi a fettine non troppo spesse. Mettere ad insaporire in una padella con l'olio e 2-3 cucchiai d'acqua calda a fiamma vivace. Dopo 4-5 minuti, quando inizierà a colorirsi, aggiungere acqua calda fino a coprire tutto ed incoperchiare.
Cuocere a fuoco vivace per altri 5 minuti mescolando spesso, quindi aggiungere l'aneto.
Continuare la cottura coprendo fino a quando comincerà ad intenerire (circa altri 5 minuti) mescolando spesso, aggiungendo se necessario altra acqua calda.
Aggiungere quindi la senape e far restringere il fondo a padella scoperta continuando a mescolare.
Servire con la cremina che si sarà formata dal fondo di cottura.

Crisp Bread

Ingredienti
  • 150 gr di farina integrale
  • 150 gr di farina di segale
  • circa 8 gr di lievito di birra fresco (1/4 di cubetto)
  • 1 cucchiaio di miele
  • 2 cucchiai di semi di cumino
  • 2 cucchiai di semi di anice
  • 1 uovo
  • sale (circa 1 cucchiaino)
Preparazione

Formate la fontana con le due farine setacciate, e fate attivare il lievito in poca acqua tiepida addolcita con il miele.

Iniziate quindi a lavorare le farine con il lievito, aggiungendo poca acqua per volta fino ad ottenere un impasto morbido, umido ma non appiccicoso.
Lavorate almeno 5 minuti prima di aggiungere il sale, mettendolo sulla spianatoia ed incorporandolo poco per volta.

Continuate a lavorare altri 10 minuti quindi quindi mettete a riposare l'impasto in luogo caldo e coperto fino al raddoppio.

Accedete il forno a 200°C, se possibile in modo ventilato.
Dividete l'impasto in due parti, tirando la prima metà molto sottilmente, circa 1 millimetro di spessore. Spennellatela con l'uovo, distribuite metà dei semi ed infornate per circa 10-15 minuti, fino a quando il pane sarà ben colorito.

Ripetete per la seconda parte dell'impasto.

16 commenti:

  1. Begli accostamenti sul sedano rapa. Sei forte.

    RispondiElimina
  2. ancora non ho mai adoperato il sedano rapa però le tue ricette sono interessanti ....complimenti..
    by lia

    RispondiElimina
  3. Sai che non l'ho mai magiato? ma proprio l'altro giorno l'ho visto dal fruttivendolo...visto che dici che merita allora lo voglio provare.
    E anche il pane sembra delizioso...mi piaccono le cose sottili e croccanti.

    RispondiElimina
  4. Ciao Alberto! vedi che a forza di parlare della svezia sono anche spuntato fuori?
    Provero' anche io l'abbinamento sedanorapa e senape!
    Molto buono, il sedanorapa negli sformati.

    RispondiElimina
  5. Sedano rapa. Scusa l'ignoranza ma che roba è?

    Spero che adesso la tua cucina sia completamente operativa :)

    RispondiElimina
  6. Dimmi la verità:tu sei uno chef reincarnato nel corpo di un simpatico appassionato di cucina!
    Sai unire la bellezza di una presentazione al gusto originale e sfizioso di ricette sempre nuove! Si.....quando apro il tuo blog...lo ammetto....quel cattivo sentimento chiamato "invidia" un pò mi stuzzica...ma lo scaccio subito e m'inchino alla tua bravura! Davvero è quello che penso...non mi piace fare le moine!!!
    Ciao ciaoooo
    Sandra

    RispondiElimina
  7. lo si usa poco in cucina è un peccato

    RispondiElimina
  8. @CorradoT Grazie Corrado, e grazie anche per i consigli sulle luci in cucina. Ieri ho acceso tutto ed è davvero un piacere lavorare vedendo quello che si maneggia ;)

    @?PROVARE PER GUSTARE? di ??a?al?a e ???a? per me il sedano rapa è stata una piacevole scoperta. Grazie ed a presto

    @elenuccia spero ti piaccia, ha un gusto intenso da crudo, che la cottura sa però mitigare. Il pane è davvero croccante e gustoso, fantastico con la birra. La morte sua sarebbe stata anche della panna acida, o delle aringhe affumicate... da provare

    @/Alessandro ammetto che ti ho pensato mentre studiavo e preparavo gli accostamenti ;)
    Ho visto in internet degli sformati con il sedano rapa, mi incuriosisci...

    @Letiziando il sedano rapa è una pianta che in superfice si presenta come il sedano, ma sotto terra ha un bulbo simile alla rapa. Si coltiva soprattutto al nord italia.
    La cucina è operativa, anche se non ho ancora il tavolo: ne ho in mente uno e vorrei cercarlo un po' prima di rassegnarmi al classico tavolo da cucina...
    Questo fine settimana mi sfogo e faccio un sacco di foto al mio nuovo regno... e mi ci faccio fotografare nella mia tenuta da lavapiatti, con tanto di traversina e guanti rosa ;)

    @sandramilù Carissima, non ho mai ricevuto un commento così bello... dopo quello che ho letto potrei anche smettere di cucinare e bearmi di quello che hai detto.
    Posso dire che sei un angelo ? Lo dico lo stesso :)
    Grazie davvero, un abbraccio grandissimo, e se passi da Vicenza, mi auguro che ti vada di passare per cucinare qualcosa assieme.
    A presto, prestissimo.

    @Günther: hai ragione, poco, forse anche perchè è una di quelle cose che si pensa si possa mangiare solo in uno o due modi. Invece ha così tanto da dire :)
    A presto

    RispondiElimina
  9. Credo però che uno per potersi sbizzarrire con alcune materie prime, come in questo caso il sedano rapa, deve prima imparare ad apprezzarlo almeno in uno di quei due modi come dici tu Alberto!
    Ma davvero complimenti perché la ricetta sembra ottima e da provare!

    RispondiElimina
  10. @Andrea Libertella: sono assolutamente daccordo con te. E' vero che a volte si può costruire una ricetta su colori, forme, consistenze o sensazioni ma poi... è nel piatto che i sapori si combinano. Quindi imparare a conoscere un alimento, ma anche un piatto o una tecnica, dalla tradizione è per me fondamentale; giocarci poi attorno... un'esigenza ;)

    Andrea complimenti per il tuo bellissimo blog: mi piace la tua idea di presentare prezzi e tempi, attrezzature e composizione. Bellissimo, pulito e chiarissimo, facile (come le ricette che proponi).
    Penso, spero non ti spiaccia, che userò anch'io presto questo tuo modo di presentare le ricette.

    A presto

    RispondiElimina
  11. Wow! Mi sembra di sentire sotto i denti il CROC dei tuoi Crisp Bread!!!!!!

    RispondiElimina
  12. @More: piacere Morena, in effetti anche oggi, a giorni di distanza, continua ad essere bello scrocchioso e profumato.

    RispondiElimina
  13. Ciao!!!!
    Ma allora cucina è stata completata!!
    E di nuovo ti sei messo a spiggnattare con successo!!!
    Bella la giornata del 19 febbraio..ti ricordo sempre molto volentieri!
    Un abbraccio
    Grazia

    RispondiElimina
  14. Ciao!
    Ho appena pubblicato i premi del contest...
    Se ti va passa a dargli un occhio!!!
    Buona Domenica
    Un bacio

    RispondiElimina
  15. mamma mia questo crisp bread è meraviglioso, lo devo provare... mi piacciono molto le tue ricette.
    Continuo a seguirti
    Vieni a trovarmi quando vuoi
    a presto

    RispondiElimina
  16. @Mammazan: completata completata. Davvero bellissima la giornata passata assieme, anche per me un piacevole ricordo.
    Un abbraccio di cuore.

    @Cinzia: che premi Cinzia, bellissimi. Complimenti per questo contest riuscitissimo.
    Un bacione.

    @Manuela: grazie mille e complimenti per il blog. Mi ha conquistato la tarte taten alle carote. Io la proverei con la brise senza burro, solo olio: l'ho usata altre volte e mi piace, e piace anche al mio fegato ;)
    A presto.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.