mercoledì 23 marzo 2011

Polpette di alici, panettone e zenzero su crema leggera di mandarino

Ce l'ho fatta... per un pelo. Non volevo perdermi l'occasione di partecipare al contest di Cristina, del blog PoveriMaBelliEBuoni: Tutti pazzi per le acciughe.


Cosa fare l'avevo in mente da tempo, dovevo solo riuscire a combinare la presenza al mercato delle acciughe fresche e belle, di quelle che, come diceva la mamma di un mio amico, "dobbiamo guardarci e piacierci subito" con la disponibilità del tempo necessario a preparare qualcosa di nuovo, che richiede un per forza un po' più tempo per "tastare" le combinazioni.

Ed eccole qua, semplici, veloci e sfiziose, le mie polpettine.


Polpette di alici e panettone su crema leggera al mandarino

A dire il vero ho ideato questa ricetta pensando non solo a  Cristina, ma anche a Dario, titolare della Loison Pasticceria, ed al suo invito a creare ricette con il loro squisitissimo panettone da inserire nel simpatico blog Insolito Panettone.

Veniamo all'idea: lo spunto, il "la" come si dice, è venuto da un classico della cucina siciliana: la pasta con le sarde. In particolare m'intrigava la combinazione dolce/salato che viene dalla presenza di sarde ed uvetta.

Ho voluto giocare su questa combinazione nelle polpette, mescolando il salato marino delle alici con il dolce aromatico di un panettone, ovviamente un panettone Loison, tenuto da parte per un'occasione speciale.
Il panettone è stato privato delle uvette e dei canditi per non caricare troppo il lato dolce della combinazione, visto che già le alici non sono salatissime.

Però al primo assaggio non mi hanno convinto, i gusti erano troppo amalgamati. Ho voluto allora introdurre lo zenzero per spezzare questa armonia, ed il risultato è stato proprio come lo volevo: insolito, curioso, stuzzicante. 

La cremina non ho potuto non farla: sia perchè mi è venuta in mente pensando alle polpette e da allora non me la tolgo dalla testa, sia perchè volevo qualcosa di fresco e brioso di accompagnamento.
All'inizio avevo pensato all'arancia, ma poi sono entrati in casa dei mandarini siciliani profumatissimi, e... sembrava proprio un destino che dovessi usarli  ;)

L'accompagnamento ha quindi alleggerito le polpette, già leggere essendo cotte al forno e non fritte, e si è ben legata all'aromaticità dello zenzero.

Una proposta davvero insolita, lo ammetto, anche per me che amo giocare con l'insolito, ma se hanno superato la difficile prova assaggio di mia moglie.... vuol dire che funzionano ;)


Ingredienti
Per due persone
  • 250 gr di alici
  • 1 fetta di panettone senza uvetta e canditi (ideale Loison albicocca e zenzero)
  • 1 tuorlo
  • 4 cucchiai di latte
  • un'unghia di zenzero fresco
  • 1/2 cucchiaio di semi di sesamo
  • 1/2 bicchiere di acqua
  • 1 tuorlo
  • 1/2 cucchiaio di zucchero
  • 1 cucchiaio di farina
  • 1 pizzico di sale
  • 1 punta di cucchiaino di agar-agar
  • 1 mandarino
Preparazione

Iniziate dalla crema: mettete a scaldare l'acqua mentre in una ciotola sbattete le uova con le polveri ed il pizzico di sale.

Aggiungete quindi l'acqua a filo mescolando energicamente; se si formassero dei grumetti, io uso il frullatore ad immersione per risolvere il problema ;)

Ripassate sul fuoco e fate sobollire per 6-7 minuti mescolando continuamente, in modo da cuocere la farina e non far legare poi la crema in bocca (ottimo consiglio delle Sorelle Simili).

Poco prima di toglierla dal fuoco aggiungete l'agar agar e mescolate per bene. Appena tolta dal fuoco, immergete il pentolino in una pentola con acqua ghiacciata, in modo da raffreddarla velocemente.
Anche se non è presente il burro, si otterrà comunque un bell'effetto lucidante.

Quando sarà appena appena tiepida, aggiungete il succo del mandarino a filo, mescolando ed inglobandolo lentamente.
Mettete poi la crema a raffreddare e rapprendersi in frigo. Non preoccupatevi se sarà un po' liquida dopo l'aggiunta del succo, penseranno frigo ed agar agar a farla riaddensare.

Passiamo alla polpette.Accedere il forno  180-190°C. Intanto eviscerare le alici ed aprirle a libro, lavarle ed asciugarle. sbriciolare a mano il panettone e metterlo in forno ad asciugare. Mettere a cuocere anche le alici nel forno, poggiandole su una teglia rivestita di carta forno.

Appena il panettone è seccato, ma non bruciato, toglietelo dal forno e polverizzatene metà con le mani e mescolatelo al sesamo per la copertura. Il restante bagnatelo con poco latte (1-2 cuccchiai) e fatelo riposare. 

Quando le alici saranno belle asciutte, toglietele dal forno, e tagliuzzatele col coltello in piccoli pezzetti e salatele appena.
Mescolatele al panettone, aggiungete lo zenzero fresco tagliato a piccolissimi cubetti ed amalgamate il tutto con poco tuorlo.
Formate delle palline, passatele nell'uovo sbattuto ed allungato con 1-2 cucchiai di latte, e passatele poi nella panatura di panettone e sesamo.
Poggiatele su carta forno ed infornatele fino a doratura.

Servitele tiepide, meglio fredde, accompagnate dalla crema.

12 commenti:

  1. Eh sì decisamente insolite! Quando ho letto il titolo ho pensato "è impazzito?" :-) poi la tua spiegazione mi convince. Perchè no? E la salsa al mandarino è un colpo da maestro! Complimenti ma non sono io a giudicare ecco perchè posso dilungarmi in commenti.....
    In bocca al lupo e grazie per la partecipazione
    Cristina

    RispondiElimina
  2. isolite ma molto invitanti, bella presentazione e complimenti x l'idea che sembra proprio azzeccata

    RispondiElimina
  3. Assolutamente cusioso questo abbinamento. Ma, di solito, se non si provano accostamenti di questo genere, non si scoprono nuovi sapori. Dunque, viva le sperimentazioni.
    Difficile immaginare il sapore, ma se tua moglie ha detto "Sì", perché non fidarsi?

    RispondiElimina
  4. Ogni volta che passo di quà più che trovare ricette, scorgo opere d'arte commestibilmnete BUONE :)

    RispondiElimina
  5. Davvero bella ricetta. Mi piacciono molto tutti gli abbinamenti.

    RispondiElimina
  6. Che delizia, sono proprio belle! Io ho la passine per le polpette in quanto creano nel piatto quel connubio tra bontà e gioco che mi riporta sempre con il pensiero all'infanzia!
    Questa è una ricetta che proverò sicuramente... scopiazzo :)

    RispondiElimina
  7. Connubio strano ma convincente! Complimenti, sarei curiosa di assaggiarle!!
    A presto.
    Francesca

    RispondiElimina
  8. Chiedo scusa a tutti, ma avendo ospiti in questi giorni non sono ancora riuscito a rispondere a tutti.
    Rimedierò certamente domani sera, intanto auguro a tutti un bellissimi week end.
    Alberto

    RispondiElimina
  9. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina
  10. NOOOOO!
    Allora l'ho lisciato questo contest...Vado pazza per le acciughe, e per le polpette ^____^
    Sono passata per dirti che ho scelto le ricette finaliste del mio contest "gli agrumi" passa a dare un occhio...
    Un bacione

    RispondiElimina
  11. @poverimabelliebuoni/insalata mista In effetti mentre assaggiavo il primo boccone, mi son chiesto anch'io se non stavo impazzendo ;)
    Grazie mille per l'apprezzamento e per il tuo bellissimo contest: partecipare è stato davvero un piacere.

    @sulemaniche grazie mille

    @Sergio hai ragioni, adoro sperimentare, ed ultimamente poi... mi fa piacere di vederti di nuovo, passo presto a trovarti: adoro immergermi nei tuoi racconti ;)

    @Letiziando wow... opere d'arte... sei davvero gentilissima.
    Un abbraccio.

    @manineinpasta.com sono contento che questi strani abbinamenti possano piacere, a presto.

    @sonia bontà e gioco, è vero hai proprio ragione. Mi viene a mente la preparazione di un piatto di Pietro Leemann che ho visto su uno dei RARI libri di cucina che acquisto, dove la polpetta diventa proprio uno stumento di gioco.
    Ti prego, se la provi, fammi sapere che ne pensi: alle volte temo di lasciarmi condizionare dal fatto che l'ho preparata io... e poi mi vengono i dubbi ;)

    @17 modi di mangiare il mango grazie

    @lacucinaghiotta grazie, purtroppo sono finite in fretta: quando sperimento produco in piccolo numero ;)
    A presto

    @vincent grazie dell'invito, passo presto a vedere il vostro aggregatore.

    @Cinzia GRAZIE !!! sono davvero felicissimo di essere entrato nei 60 finalisti. Cambio subito il banner.
    Un bacio grandissimo.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.