martedì 16 marzo 2010

Pecorino e pere... mostardate


pere mostardate e pecorino

Per quanto i miei buoni propositi mi spingano a "controllarmi e contenermi" [nel mangiare], ci sono cose a cui non so resistere.

Ad esempio non riesco a fare a meno di qualcosa di dolce dopo mangiato, anche solo un frutto, sarebbe come rinunciare ad una sigaretta dopo aver bevuto il caffè (ho smesso di fumare da anni ma me lo ricordo ancora quel momento).

Ieri sera non avevo niente di dolce pronto, però in frigo c'erano quelle belle pere abate.... le avevo comprate per rifare la Tarte Tatin alle pere e zenzero di domenica ma...

... l'associazione con il formaggio è venuta da se e guarda caso in frigo avevo dell'ottimo pecorino sardo acquistato due settimane fa alle bancarelle della Compagnia dei sapori.

Sembrava fatta, formaggio e pere, un classico. Troppo classico ;)

Pensando allora a come rivisitare l'accostamento mi è passato l'occhio sulla senape in polvere et voilà: pere-mostarda-pere mostardate.

Ingredienti (per 1 persona)
  • 1/2 pera abate
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 2-4 cucchiai d'acqua
  • 1-2 cucchiaini di senape in polvere
  • qualche fetta di pecorino
Preparazione

Tagliare la pera a cubettini e mettera in un padellino con lo zucchero e l'acqua. Ammorbidirla a fuoco dolce aggiustando di acqua o zucchero in modo che si formi uno sciroppo denso.
Poco prima di togliere dal fuoco aggiungere poco alla volta la senape, mescolando e verificando il gusto: è importante che si senta il gusto della mostarda ma non sia dominante sulla pera.

Impiattare disponendo le pere sul fondo le fette di pecorino e velando con lo sciroppo. Servire tiepido.

25 commenti:

  1. anche io sono così, devo per forza avere il mio dolcetto serale!
    ieri sera non c'era nulla di pronto ed ho mangiato direttamente cioccolata ;)

    RispondiElimina
  2. Ottima come soluzione per un dolcino improvvisato! le pere con il formaggio sono un must...ed arricchite con una salsina così...ci si vizia proprio eh?!
    un bacione

    RispondiElimina
  3. mmmhhh che bel piattino improvvisato, altro che sigaretta!:O)

    RispondiElimina
  4. mmmm si si anche questo piattino è perfetto per una coccola postcena. Bravissimo, veloce da fare e da mangiare. Ho proprio una pera in frigo. E' una kaiser ma penso che andrà bene lo stesso.

    RispondiElimina
  5. La stessa mania del dolcino di fine pasto ce l'ha anche il fidanzato e, mannaggia a lui, col passare degli anni me l'ha attaccata! Grrrrrr!

    RispondiElimina
  6. Bellissima questa rivisitazione del Formaggio con le Pere!!

    Ogni volta che passo di qui mi viene un acquolina..

    Complimenti!

    RispondiElimina
  7. ciao alberto un altra idea fantastica e saporitissima!!che accoppiata vincente!!bacioni imma

    RispondiElimina
  8. Alberto que idea más fantástica. Queso y pera... delicioso!!!
    Buen día

    RispondiElimina
  9. formaggio e frutta abbinamento delizioso per chiudere un pasto! ciao Ely

    RispondiElimina
  10. Assassino !!!
    E non dico altro... hehehehehe

    RispondiElimina
  11. Ciao Alberto,
    alla fine ti ho aggiunto al mio blogroll, mi perdevo spesso qualche tua ricetta. Come dire: meglio tardi che mai.
    Ne approfitto per fare un commento per due ricette: 1) - belle queste pere con mostarda, mi piace l'uso dell'assaggio durante la preparazione: lo sapevi che l'assaggio "durante" e' tipico dei cuochi maschi, mentre le signore buttano tutto dentro, accendono il fuoco e assaggiano solo a cose fatte? (non proprio cosi', ma...).
    2) - Quando ho visto paella ho detto "vediamo come la fa", pensavo l'avresti fatta al forno come certi spagnoli insegnano, ma mi sembra buona anche cosi', fatta con accuratezza.

    RispondiElimina
  12. pera e pecorino è un buon abbinamento...grazie dell'idea..un bacio

    RispondiElimina
  13. Adoro questi sapori. Ho riapprezzato i sapori mostardati negli ultimi anni e adesso sono una presenza fissa sulla mia tavola.
    Ciao!

    RispondiElimina
  14. Alem: anche da me, per non restare mai senza, siamo passato ai blocchi di cioccolata da 1 kg sempre in frigo :(

    manuela e silvia: ma si dai, viziarci un pochino bisogna... o no ?!
    Un bacione

    Marta: hai ragione, decisamente meglio un dolcetto

    elenuccia: ma certo che va bene, verrà forse un pochino più sugosa, ma vista la breve cottura non dovrebbe sfaldarsi

    Virginia: deve essere genetico: io pure l'ho attaccata a mia moglie, che prima si limitava a smangiucchiare qualcosa di salato ;)

    Federica: grazie Federica, sei gentilissima

    dolci a ...gogo!!!: grazie Imma, un bacione anche a te.

    Curra: Gracias Curra, sencilla pero deliciosa

    Ely: grazie

    JAJO: he he he...

    CorradoT: ma davvero è tipico dei maschietti l'assaggio ? Bhe ci sono preparazioni dove assaggio piuttosto avanti, ma comunque vada una tastatina qua o la ci vuole.
    Quanto alla paella ti devo confessare che il forno ci può stare: nel senso che diventa facile asciugarla senza rischiare di attaccare il riso al fondo e quindi renderlo croccante. Quella che ho fotografato sabato non ne aveva bisogno, era comunque asciutta ma il con i chicchi morbidi.
    Ma quella che ho preparato domenica, con 5 minuti di forno sarebbe stata perfetta. Certo preparandola nel forno/camino, con il fuoco a legna, come si vede nel sito che ho linkato... è tutta un'altra cosa.

    Luciana: son contento ti piaccia, ma non scordare la senape: da quel tocco... un bacione

    da Sergio ciao Sergio, piacere di conoscerti e di ospitarti nel mio blog. Devo ammettere che io ho sempre amato la mostarda, che però da noi vuol dire solo mostarda vicentina. Ma quest'anno stò mostardando un po' di tutto, ed è un piacere :)
    A presto !

    RispondiElimina
  15. Al..... ho cominciato anche io così...... magna...magna... magna..... che goduria per i sensi, ma occhio alla linea. Come sei messo?
    Se vuoi ti dò il numero del mio nutrizionista.... saresti pure comodo perchè è di Montecchio.....
    Hi hi hi :-))))))))))))))))))))
    chiamami pure vecchia vipera.... ma io ti ho avvertito!!!!!
    besitosssss

    RispondiElimina
  16. Mara: ma come, mi chiedi come sono messo ?!?! Non è chiaro dal titolo del blog :))))))))))
    Quanto al tuo consiglio sul nutrizionista, sono tentato di cancellare il tuo commento prima che lo veda mia moglie :))))))))))))
    Un bacione

    p.s.: .. a proposito: cominciano i primi caldi, che ne dici se cominciamo a pensare ad una giornata dei foodbloggers veneti ?

    RispondiElimina
  17. Ciao ...Mara potrei dirti io come è messo mio fratello. Hai presente la foto che ha messo sul profilo?? Ecco...meglio che gli dai il numero del nutrizionista che magari può sperare di tornare ad assomigliare un pò a quella foto!!!! (hihihihi)
    Bacioni fratellone!!! :) Ma com'è che tu a differenza di me hai anche la fortuna che oltre a mangiare ti piace anche cucinare??

    RispondiElimina
  18. Sabrina: guarda che la foto è stata fatta (dal mio cucciolino) la scorsa estate. E' solo che ho tagliato la parte bassa :)
    La risposta all'ultima domanda... te la do a voce ;)
    E poi vedrai che se facciamo la paella assieme poi ti viene la voglia di cucinare.

    RispondiElimina
  19. Appunto..la scorsa estate :))
    Per quanto riguarda la paella te l'ho già detto che non vedo l'ora. E cmq non è la voglia che mi manca..ma la fantasia purtroppo. Per esseri bravi cuochi secondo me è fondamentale sapersi inventare. E a te mi sembra riesca molto bene da quello che leggo qui.
    Bacioni al mio nipotino cuccioloso.

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. viva i classici rivisitati!!!

    RispondiElimina
  22. Che bella presentazione per queste deliziose pere mostardate !!! Ma come hai fatto a fare la foto ??? è bellissima !!! Sai che ora ho la Kodak come la tua Easy share C190...
    Ciao.
    Virginia

    RispondiElimina
  23. paolo evviva evviva. Mi sono affidato alle parole di uno chef che mi spiegava come fosse importante imparare e RIusare le tecniche che si propongono nelle ricette, senza stravolgerne il senso. Mi piace tanto quest'idea di creare nuove alchimie...

    virgikelian grazie Virginia. Anche tu la mia macchina ??? evviva, finalmente qualcun'altro che la usa, pensavo di essere il solo ;)
    Per la foto, in realtà è nato tutto da un errore: avevo messo storto il cavalletto, e ruotando/ritagliando l'immagine ne perdevo troppe parti. Ecco l'idea di sovrapporre la stessa immagine ruotata 3 volte, creando un effetto ventaglio.
    tutto grazie a GIMP, programma di fotoritocco gratuito davvero eccezionale.
    A presto. Alberto

    RispondiElimina
  24. Ciao Alberto,
    e' un po' che manchi, tutto bene?

    Sono tornato qui per dirti che dalla lettura di questo post ho preso spunto per una preparazione che ho pubblicato oggi. Grazie per l'ispirazione :-)

    PS - Ho una Kodak anch'io, la Z 1015 IS (che ha un bellissimo zoom, che pero' non serve a un tubo per le foto di cibo da vicino...)

    RispondiElimina
  25. Da tempo cercavo una ricetta per la mostarda che utilizzasse la senape in polvere che ho reperito con facilità... i libri e le riviste che ho, parlano tutte infatti di 'estratto di senape' che però non ho. Siccome non ho molta dimestichezza con le spezie ero un po' titubante anche solo a provare quella in polvere. Grazie!
    Ciao

    Nanni

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.